Le donne inglesi chiedono di vietare gli spot della chirurgia plastica, intanto qua da noi escono i dati di una ricerca: la liposuzione è il secondo intervento più richiesto.

TweetCome successo per le sigarette, per l’alcol e per gli additivi presenti nei cibi, non vedo perché la chirurgia plastica non debba essere etichettata come qualcosa che “nuoce gravemente alla salute”. Chiedetelo alle donne che si sono viste impiantare una protesi cancerogena, per esempio. Ma soprattutto chiedetelo a quelle che per tutta la vita rincorrono l’eterna giovinezza e la perfezione nelle mani di un chirurgo estetico. Di questo avviso sono alcune attiviste inglesi, che invece paragonano la pubblicità della chirurgia Continue Reading ››